rimedi naturali per la tiroide

    In questo articolo vedremo quali sono i rimedi naturali per la tiroide. La tiroide è una ghiandola endocrina posizionata nel collo. Assolve moltissime funzioni sia metaboliche che strutturali. Si possono avere condizioni di Ipo-Tiroidismo, Iper-Tiroidismo, Autoimminutà Tiroidea. Rimedi naturali come L-carnitina, Vitamina D, Commiphora mukul, Selenio ed altri oligoelementi, sono valide scelte di rimedi naturali per la tiroide.

    Fisiologia della tiroide

    rimedi naturali per la tiroide

    La tiroide è una ghiandola endocrina. La sua posizione è nel collo inferiore e anteriore ed è responsabile della formazione e della secrezione degli ormoni tiroidei e dell’omeostasi dello iodio all’interno del corpo umano. La tiroide produce circa il 90% di ormone tiroideo inattivo, o tiroxina (T4), e il 10% di ormone tiroideo attivo, o triiodotironina (T3).

    L’ormone tiroideo inattivo viene convertito perifericamente in ormone tiroideo attivato o in un ormone tiroideo inattivo alternativo. L’ormone tiroideo induce effetti su praticamente tutte le cellule nucleate del corpo umano, aumentandone generalmente le funzioni e il metabolismo, come di seguito:

    La gittata cardiaca, la gittata sistolica e la frequenza cardiaca a riposo aumentano attraverso effetti cronotropi e inotropi positivi. L’ormone tiroideo attivo aumenta il calcio intracellulare miocardico per aumentare la forza e la velocità di contrazione. In concomitanza, la vascolarizzazione della pelle, dei muscoli e del cuore si dilata, determinando una diminuzione della resistenza vascolare periferica mentre il volume del sangue aumenta attraverso l’attivazione del sistema renina-angiotensina-aldosterone.

    Il metabolismo basale (BMR), la produzione di calore e il consumo di ossigeno aumentano attraverso l’attivazione dell’ormone tiroideo delle proteine ​​​​di disaccoppiamento mitocondriale. Anche l’assorbimento e l’ossidazione del glucosio e degli acidi grassi aumentano, il che si traduce in un aumento della termogenesi e richiede una maggiore dissipazione del calore. L’intolleranza al calore nell’ipertiroidismo è attribuibile a questo aumento della termogenesi. La compensazione per l’aumento della termogenesi è anche mediata dall’ormone tiroideo attraverso l’aumento del flusso sanguigno, della sudorazione e della ventilazione.

    La frequenza respiratoria a riposo e la ventilazione minuto vengono stimolate dall’ormone tiroideo attivo, la triiodotironina (T3), per normalizzare la concentrazione arteriosa di ossigeno in compensazione dell’aumento dei tassi di ossidazione. T3 promuove anche l’apporto di ossigeno ai tessuti simulando la produzione di eritropoietina ed emoglobina e promuovendo l’assorbimento di folato e cobalamina attraverso il tratto gastrointestinale.

    T3 è responsabile dello sviluppo dei centri di crescita fetale e della crescita ossea lineare, dell’ossificazione endocondrale e della maturazione del centro osseo epifisario dopo la nascita. Inoltre, T3 simula il rimodellamento dell’osso adulto e la degradazione dei mucopolisaccaridi e della fibronectina nel tessuto connettivo extracellulare.
    T3 stimola il sistema nervoso con conseguente aumento dello stato di veglia, prontezza e reattività agli stimoli esterni. L’ormone tiroideo stimola anche il sistema nervoso periferico, con conseguente aumento dei riflessi periferici e del tono gastrointestinale e della motilità.

    – L’ormone tiroideo svolge anche un ruolo nella salute riproduttiva e in altre funzioni degli organi endocrini. Permette la regolazione della normale funzione riproduttiva sia negli uomini che nelle donne regolando sia il ciclo ovulatorio che la spermatogenesi. L’ormone tiroideo regola anche la funzione ipofisaria; la produzione e il rilascio dell’ormone della crescita (GH) sono stimolati dall’ormone tiroideo mentre inibiscono la produzione e il rilascio della prolattina.

    Inoltre, la clearance renale di molte sostanze, inclusi alcuni farmaci, può essere aumentata a causa della stimolazione dell’ormone tiroideo attivato del flusso sanguigno renale e della velocità di filtrazione glomerulare. Fonte NCBI

    Disturbi ormonali della Tiroide

    La Tiroide è una ghiandola endocrina, che spesso nei tempi moderni è coinvolta da disturbi ormonali. In caso di squilibrio endocrino essa può risultare iper o ipo funzionante, oppure essere oggetto di autoimmunità.

    Ipertiroidismo

    L’ipertiroidismo è una condizione dove la ghiandola tiroidea risulta iperattiva e quindi secerne più ormoni (T3 e / o T4) del normale. I sintomi più comuni dell’ipertiroidismo includono:
    – Palpitazioni
    – Sudorazione eccessiva
    – Ipertensione
    – Perdita di peso
    – Aumento dell’appetito
    – Mestruazioni irregolari
    – Diradamento dei capelli
    – Diarrea
    – Tremori alle mani
    – Irritabilità
    – Problemi di sonno

    L’ipertiroidismo influenza anche l’ipofisi, la paratiroide e le ghiandole sessuali. La produzione in eccesso di ormoni tiroidei accelera tutto il metabolismo consumando più velocemente gli elementi nutritivi. Alimenti stimolanti come il caffè o il tè, dovrebbero essere attentamente evitati. La causa dell’ipertiroidismo può essere ricercata nei fattori ereditari, nello stress emotivo o altri fattori sconosciuti.

    Ipotiroidismo

    In questa situazione la ghiandola tiroidea risulta invece ipo attiva, quindi non produce abbastanza ormoni tiroidei. La sottoproduzione di ormoni da parte della tiroide provoca un metabolismo cellulare ridotto. L’ipotiroidismo a livello statistico è maggiormente presente nelle donne.
    Alcuni segni della carenza di ormoni tiroidei possono essere i seguenti:
    – Faccia ed occhi gonfi, pelle e capelli secchi
    – Mani e piedi freddi, sensibilità al freddo
    – Bradicardia
    – Tendenza all’aumento di peso
    – Fatica mattutina, con rigidità al risveglio
    – Rallentamento generale
    – Stitichezza

    Altri sintomi dell’ipotiroidismo sono la stanchezza, la mancanza di appetito, mancanza di vigore fisico e mentale, formicolio e intorpidimento di mani e piedi. L’ipotiroidismo può coinvolgere anche le cellule cerebrali causando una riduzione della capacità intellettuale. Alcuni tipi di ipotiroidismo sono presenti alla nascita causando rallentamento dello sviluppo nei bambini. Nell’ipotiroidismo i livelli dell’ormone pituitario (TSH), stimolante la tiroide, sono generalmente alti. Anche nel caso di ipofunzione tiroidea non si dovrebbe escludere un base autoimmune.

    Disturbi autoimmunitari della tiroide

    Una tiroide iperattiva può essere causata anche da una malattia autoimmune. L’autoimmunità specifica viene accertata dalla presenza nel flusso sanguigno di autoanticorpi tiroidei. Nella malattia di Graves, una condizione autoimmune in cui il recettore del TSH viene attivato da un autoanticorpo, può essere presente un’ulteriore fisiopatologia dell’orbitopatia. L’anticorpo del recettore del TSH attiva anche le cellule T e provoca la proliferazione dei fibroblasti e l’accumulo di glicosaminoglicani nei muscoli extraoculari e nel tessuto connettivo retrooculare che porta alla proptosi.

    La tiroidite di Hashimoto, anch’essa autoimmune è una causa primaria di ipotiroidismo, che è associata a HLA-DR5. La presenza di anticorpi anti-tireoglobulina e perossidasi tiroidea suggerisce una tiroidite di Hashimoto. Abbiamo trattato il sistema immunitario dis-regolato in questo articolo.

    Vuoi saperne di più?
    Scopri come funziona la visita iridologica.


    Rimedi naturali per la Tiroide iper-funzionante

    Il trattamento naturale dell’ipertiroidismo deve raggiungere due obiettivi:
    – Arrestare gli effetti dannosi dell’eccesso di ormone tiroideo
    – Risolvere le cause alla radice in modo che i sintomi non si ripresentino.
    Nell’ipertiroidismo i nutraceutici hanno molte promesse come rimedi naturali per la tiroide e possono rappresentare un valido aiuto. Rivediamo ciò che sappiamo sugli integratori nutraceutici per l’ipertiroidismo.

    Gli Oligoelementi

    Iniziamo ad indagare tra i rimedi naturali per la tiroide, considerando gli Oligoelementi catalitici come concime terapeutico ad ogni livello. Infatti anche la normale funzione tiroidea dipende dalla presenza di oligoelementi essenziali. Di questi, lo iodio è coinvolto nelle vie di sintesi e metabolismo dell’ormone tiroideo. Cinque oligoelementi svolgono un ruolo fondamentale nel mantenimento del metabolismo fisiologico della ghiandola tiroidea, vale a dire I, Se, Zn, Mn e Cu.


    rimedi naturali per la tiroide

    Il selenio è essenziale nel normale metabolismo e regolazione dell’ormone tiroideo come componente integrale della iodotironina deiodinasi ed è essenziale per molti processi biologici. Il mantenimento di una concentrazione fisiologica di Se entro un intervallo ottimale è essenziale per garantire la normale funzione tiroidea e la successiva produzione di regolatori chiave importanti per il metabolismo.

    Lo Zinco a sua volta, è essenziale per il corretto funzionamento dell’enzima 5′-deiodinasi di tipo 1, che catalizza la conversione di T4 nella sua forma attiva, T3, e ne diminuisce il tasso metabolico. Inoltre, la carenza di Zn inibisce la sintesi dell’ormone di rilascio della tireotropina (TRH). Ciò che vale la pena sottolineare è che si ritiene che la tiroide abbia un ruolo importante nell’omeostasi dello Zn. La connessione tra Zn e metabolismo tiroideo si basa sull’ipotesi che il recettore nucleare T3 contenga proteine ​​leganti lo zinco. Gli ormoni tiroidei hanno un effetto sull’assorbimento e l’escrezione di Zn.

    Il rame è il terzo oligoelemento più frequente e aiuta la ghiandola tiroidea nella produzione e assorbimento degli ormoni. Il rame stimola la produzione di T4 e previene l’assorbimento eccessivo di T4 nelle cellule del sangue controllando i livelli di calcio dell’organismo. Inoltre, il Cu è necessario per la sintesi dei fosfolipidi, che sono essenziali per la stimolazione del TSH.

    Il ferro influisce sulla funzione tiroidea e sull’autoimmunità. Il ferro è essenziale per la ghiandola tiroidea ed è necessario per un’efficace utilizzazione dello iodio da parte dell’enzima ferro-dipendente TPO. Il ferro è necessario per catalizzare la sintesi dell’ormone tiroideo attraverso il TPO, che è eme-dipendente. Adeguati livelli di Fe sono importanti per mantenere la normale funzione tiroidea. Inoltre, la carenza di ferro può ridurre la conversione di T4 in T3 interferendo con l’attività della tiroxina deiodinasi.

    Il Manganese a sua volta, partecipa a vari processi fisiologici, svolgendo il ruolo di cofattore per molteplici enzimi tra cui transferasi, idrolasi, liasi, isomerasi, ligasi e ossidoriduttasi. Il manganese può influenzare l’omeostasi dell’ormone tiroideo e i processi di sviluppo neurologico come risultato sia di una disregolazione diretta a livello della ghiandola tiroidea e degli ormoni tiroidei, sia indirettamente attraverso alterazioni del controllo dopaminergico della ghiandola tiroidea e dei suoi ormoni.

    Lo iodio è un componente rilevante degli ormoni tiroidei e un nutriente particolarmente critico per lo sviluppo del bambino.

    Tra i rimedi naturali per la tiroide è uno dei principali. Le sue carenze possono compromettere la sintesi dell’ormone tiroideo e quindi influenzare lo sviluppo fisico, neurologico e intellettuale. Lo iodio è un substrato per la biosintesi degli ormoni tiroidei che influenzano il metabolismo e influenzano l’espressione di geni che controllano varie funzioni fisiologiche, come l’embriogenesi, la crescita e lo sviluppo dell’organismo. Le concentrazioni di TSH, tireoglobulina (TG) e triiodotironina libera (FT3) nel siero sono considerate indicatori alternativi dello stato di iodio. È stato riportato che la carenza di I può causare un aumento dei livelli di TSH e/o del volume tiroideo. Fonte NCBI

    L-carnitina

    La L-carnitina è un integratore di aminoacidi che ha dimostrato di ridurre o prevenire i sintomi dell’ipertiroidismo. È ad azione rapida, ha un rischio molto basso di effetti collaterali ed è persino sicuro per le donne in gravidanza con malattia di Graves (vedi). Uno altro studio clinico ha rilevato che la L-carnitina ha avuto un effetto positivo sulla sintomatologia dell’ipertiroidismo:
    Debolezza e stanchezza
    Fiato corto
    Palpitazioni
    Nervosismo
    Insonnia
    Tremori
    Frequenza cardiaca
    Densità minerale ossea

    L-Carnitina è stata studiata ed ha dimostrato la sua utilità anche nel contesto della temepesta tiroidea (vedi)

    Altri rimedi naturali per la tiroide iper

    In caso di ipertiroidismo le vitamine del complesso B sono particolarmente importanti, in special modo la piridossina (B6).

    Inoltre la contemporanea supplementazione di Magnesio è sempre un’ottima scelta in casi di ipertiroidismo. In particolare nel nostro articolo sulla scelta dell’integratore migliore, si consiglia una formulazione di Magnesio taurato per il suo effetto regolatorio del battito cardiaco.

    Riportiamo in modo particolare questa ricerca dove si è appurato che la supplementazione combinata di L-Carnitina, Mio-Inositolo e Selenometionina forniscono buoni risultati.
    Infine è stato accertato che Melissa Off. e Quercetina contrastano le funzioni tiroidee in eccesso

    Vuoi saperne di più?
    Scopri come funziona la visita iridologica.


    Rimedi naturali per la Tiroide ipo-funzionante

    L’Ipotiroidismo non lesionale ha coinvolto molto la ricerca scientifica, infatti sono stati analizzati diversi rimedi naturali per la tiroide di cui ve ne presentiamo alcuni.

    Vitamina D

    La vitamina D è un ormone prodotto anturalmente dal corpo umano. Tuttavia, una gran parte della popolazione è carente di vitamina D. Insieme allo Iodio ed al Selenio è uno dei principali rimedi naturali per la tiroide. La carenza della vitamina D può portare all’ipotiroidismo. Inizialmente gli scienziati credevano che la vitamina D fosse principalmente collegata alla tiroidite autoimmune, ma uno studio del 2020 ha scoperto che anche l’ipotiroidismo non autoimmune era associato alla carenza di vitamina D.

    Uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo ha mostrato che la vitamina D ha migliorato i livelli di TSH e i livelli di calcio nei pazienti ipotiroidei.
    In questo studio hanno concluso che la carenza di vitamina D associata alla carenza di ferro sono state osservate nelle femmine ipotiroidee adulte ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti.
    Come spiegato qui, bassi livelli di vitamina D sono associati a ipotiroidismo autoimmune. Iniziative sanitarie come lo screening di massa della carenza di vitamina D tra la popolazione a rischio potrebbero ridurre significativamente il rischio di ipotiroidismo a lungo termine.

    Iodio

    Lo iodio minerale, come già indicato sopra, è un ingrediente essenziale necessario all’organismo per produrre gli ormoni tiroidei. Questi ormoni – noti come T4 ( tiroxina ) e il più attivo T3 ( triiodotironina ) – assicurano un segnale sano tra la tiroide, il cervello e il corpo per regolare l’energia, il peso, il metabolismo cellulare e molto altro. Le fonti alimentari di iodio includono:
    – Verdure di mare (alghe)
    – Uova
    – Ostriche, gamberi e salmone
    – Sale iodato
    – Latticini (latte, formaggio, yogurt)
    Tuttavia è consigliabile l’assunzione di Iodio sotto forma di Oligoelemento catalitico, oppure tramite una piccola supplementazione di alga Kelp.

    Ashwagandha

    L’Ashwagandha è stata usata per secoli come rimedio naturale per la salute, ma in anni più recenti ha ricevuto l’attenzione dei ricercatori medici per i suoi promettenti effetti sulla salute della tiroide. Secondo studi preliminari, l’ashwagandha può migliorare i livelli della tiroide in quelli con ipotiroidismo subclinico. In uno studio, i partecipanti hanno ricevuto un trattamento di 600 mg di radice di ashwagandha al giorno per otto settimane. Alla fine del trattamento, i livelli sierici di TSH e T4 erano significativamente migliorati nel gruppo ashwagandha rispetto al gruppo placebo. Come esposto in questa ricerca, “il trattamento con Ashwagandha ha normalizzato efficacemente gli indici sierici della tiroide durante il periodo di trattamento di 8 settimane in modo significativo“.

    Un altro studio del 2014 ha rilevato che l’ashwagandha ha migliorato i livelli di ormone tiroideo e ridotto i sintomi della tiroide nei pazienti con disturbo bipolare e ipotiroidismo. I ricercatori ipotizzano che l’ashwagandha calmi gli ormoni dello stress iperattivi che possono interferire con la produzione di ormoni tiroidei.

    Coleus Forskohlii

    Coleus Forskohlii ed in particolare le sue radici, contribuiscono a favorire la fisiologica funzione della termogenesi. La forskolina, infatti, agisce promuovendo l’aumento del messaggero intracellulare cAMP (adenosina monofosfato ciclico) e di conseguenza un aumento della complessiva risposta termogenica degli alimenti. Per altri aspetti, come riportato in questa ricerca, la forskolina sembra indurre una secrezione assoluta e relativa di T3 e T4 molto simile a quelle ottenute dal TSH.

    Guggul

    Un altro rimedio naturale per la tiroide sperimentatissimo, è Guggulu o Guggul, una resina oleo-gommosa che trasuda a seguito di lesioni dalla corteccia di Commiphora mukul, piccolo albero spinoso, conosciuto anche come albero della mirra, anch’essa molto usata in medicina Ayurvedica. Alcune sostanze estratte (Guggulsteroni) si sono dimostrate utili in caso di ipotiroidismo. Infatti in questa ricerca è stato dimostrato che Z-guggulsterone del guggulu è responsabile dell’azione stimolatrice della tiroide. La somministrazione ai ratti di Z-guggulsterone isolato ha portato ad un aumento significativo di tutti i parametri della funzione tiroidea, vale a dire, assorbimento di iodio da parte della tiroide, enzimi coinvolti nella sintesi degli ormoni tiroidei e assorbimento di ossigeno nei tessuti, suggerendo così un’azione stimolatrice della tiroide.

    Oligoelementi catalitici

    Gli oligoelementi catalitici sono dei regolatori da tenere sempre in considerazione nei disturbi ormonali. In particolare nella formulazione catalitica lo Iodio oligoelemento è consigliato poiché sulla Tiroide agisce sempre come regolatore senza alcun rischio di iodismo. Un altro ottimo oligoelemento da tenere presente a livello ghiandolare/endocrino è lo Zinco. Inoltre particolarmente nell’ipertiroidismo l’oligoelemento diatesico di base può essere scelto tra Manganese o Manganese-Cobalto, mentre nell’ipotiroidismo il diatesico di base andrà scelto tra Manganese-Rame o Rame-Oro-Argento. In alcuni casi di ipertiroidismo può essere valutato anche l’utilizzo del Litio oligoelemento.

    Altri rimedi per ipotiroidismo

    rimedi naturali per la tiroide

    Nel trattamento dell’ipotiroidismo possono essere valutati altri fitoterapici e nutraceutici come ad esempio l’alga Kelp (da usare con parsimonia e per brevi periodi) o i precursori degli ormoni tiroidei L-Tirosina e L-Fenilalanina. Infine si può consigliare l’associazione dei funghi medicinali Ganoderma lucidum e Agaricus Blazei Murril, i quali in modo epigenetico ed a lungo termine possono regolare l’assetto ormonale tiroideo.


    Rimedi naturali per la Tiroide autoimmune (Hashimoto-Graves)

    Selenio

    Il selenio, è un minerale utilizzato come integratore alimentare. La carenza di selenio è uno dei fattori di rischio per molte malattie della tiroide. Esso ha una serie di benefici specifici e documentati per la malattia di Graves. I pazienti con malattia di Graves hanno maggiori probabilità di avere livelli di selenio più bassi (vedi) e una meta-analisi ha mostrato che i pazienti con alti livelli di anticorpi hanno maggiori probabilità di avere una ricaduta (vedi). È stato dimostrato che il selenio riduce gli anticorpi ed i sintomi associati alla malattia di Graves (vedi), e livelli ematici di selenio più elevati hanno dimostrato di ridurre il tasso di recidiva della malattia di Graves (vedi).

    Il selenio riduce le complicanze oculari associate a Graves (vedi) oltre a quelle associate al trattamento con iodio radioattivo. Infine, due studi hanno indicato che l’integrazione di selenio ha migliorato i risultati del trattamento per i pazienti che utilizzano trattamenti convenzionali per l’ipertiroidismo, come il metimazolo e il trattamento con iodio radioattivo (vedi 1, vedi 2)

    Vitamina D

    La maggior parte delle ricerche sulla vitamina D correlate alla tiroide, ha studiato i pazienti ipotiroidei. Questa ricerca suggerisce che la carenza di vitamina D può essere associata a livelli più elevati di anticorpi tiroidei, quindi in un contesto di Tiroidite autoimmune di Hashimoto (vedi) e che l’integrazione con vitamina D può contribuire alla loro riduzione (vedi anche qui).
    Questo ulteriore studio del 2018 mostra che la tiroidite di Hashimoto e la carenza di vitamina D sono indissolubilmente legate.

    Nigella sativa

    Nigella s. è un altro trattamento da non trascurare quando siamo alla ricerca di rimedi naturali per la tiroide. Infatti, come illustrato in questa interessante ricerca,
    il trattamento con Nigella sativa ha ridotto significativamente il peso corporeo e l’indice di massa corporea (BMI). Le concentrazioni sieriche dell’ormone stimolante la tiroide (TSH) e degli anticorpi anti-perossidasi tiroidea (anti-TPO) sono diminuite mentre le concentrazioni sieriche di T3 sono aumentate nel gruppo trattato con Nigella sativa dopo 8 settimane.

    I nostri dati hanno mostrato un potente effetto benefico della polvere di Nigella sativa nel migliorare lo stato della tiroide e le variabili antropometriche nei pazienti con tiroidite di Hashimoto. Considerando l’effetto salutare osservato di questa pianta medicinale nel migliorare la gravità della malattia, può essere considerata un utile approccio terapeutico nella gestione della tiroidite di Hashimoto.

    Vuoi saperne di più?
    Scopri come funziona la visita iridologica.

     

    Torna alla pagina dei disturbi ormonali

    Rimedi per la Salute ed il Benessere:

    – sui RIMEDI NATURALI – Come e perchè sceglierli

    – del SISTEMA NERVOSO (Ansia, Stress, Depressione, Etc.)
    – del SISTEMA IMMUNITARIO (Autoimmunità, Allergie, Ipoimmunità)
    – delle FUNZIONI RENALI (Acidosi Tissutale, Ritenzione Idrica, Etc.)
    – delle FUNZIONI METABOLICHE (Insulino-Resistenza, Zuccheri, Grassi.)
    – dell’APPARATO DIGERENTE (Disbiosi, Colite, Steatosi, Morbo di Crohn)
    – dell’APPARATO OSTEO-ARTICOLARE (Articolazioni, Tendini, Muscoli)



    Nelle pagine di questo sito web facciamo soltanto informazione.
    Le nozioni riportate NON sono da utilizzare
    per scopi diagnostici o terapeutici.
    Per qualsiasi diagnosi e/o trattamento di malattie rivolgersi
    al proprio medico e/o ad uno specialista.